Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

per sapere piazzamenti e campionati disputati
Avatar utente
W_Fortis_J
Messaggi: 281
Iscritto il: 28 giugno 2009, 8:28
Località: Borgo San Lorenzo

Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da W_Fortis_J »

Secondo voi, se le prime dieci squadre in classifica di un girone di Serie D o Eccellenza degli anni '90 (facciamo 1995), e se le prime dieci di un girone di Interregionale e Promozione degli anni '80 (facciamo 1986); giocassero oggi contro le pari classifica degli stessi gironi degli anni correnti, che risultati si avrebbero?
Avatar utente
Web
Messaggi: 6359
Iscritto il: 6 settembre 2003, 21:09
Località: Altare (Sv)

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Web »

Non ci sarebbe storia, vincerebbero sempre le squadre del passato.
Oltretutto vi è un bel solco tra una squadra della metà degli anni 80 e una di un decennio dopo pari categoria. Infatti a partire dal 1987-88 vennero inasprite le regole degli allora fuori quota, numero massimo di "anziani" da schierare, e il livello subì già un tracollo. Dal 1993-94 i fuori quota vennero aboliti ed iniziò la regola sugli under obbligatori che venne cambiata diverse volte fino ad assumere la sua forma definitiva all'inizio degli anni 2000. Comunque negli anni Novanta la regola era ancora sopportabile e quindi il livello era sicuramente superiore ad oggi. Altro fattore, il mercato invernale a quei tempi si svolgeva a fine ottobre o inizio novembre con una piccola finestra, e soprattutto non c'era questo continuo via vai di giocatori che oggi possono cambiare anche tre maglie in una stagione. A quei tempi non era raro vedere giocatori che vestivano la stessa maglia per 4/5 stagioni consecutive, infatti a fine anni 80, ma durò poco proprio perchè i "fedelissimi" erano tanti, fu creata la regola che chi aveva giocato un tot di stagioni con la stessa maglia era esentato, qualunque età avesse, dalla regola sui fuori quota. Regola che mi pare venga nuovamente usata ai giorni nostri in serie C che consente di inserire un fedelissimo nel listone degli "over" in soprannumero, ma oggi sono ben poche le società che hanno fedelissimi in rosa
Chiunque puo essere chiunque (Luke Rhineheart - "L'uomo dei dadi")
Avatar utente
kira
Messaggi: 29582
Iscritto il: 21 settembre 2009, 18:19

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da kira »

Noi ce l'abbiamo: Fabio Tito, il nostro capitano, che ultimamente, anche causa infortunio, sta giocando meno, suo l'assist per Sgarbi contro il Benevento, è con noi dal 2020, in scadenza il prossimo anno, ed è anche il calciatore con più presenze in C in assoluto (oltre le 245). //44
Avatar utente
Web
Messaggi: 6359
Iscritto il: 6 settembre 2003, 21:09
Località: Altare (Sv)

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Web »

Vero, ha un curriculum di tutto rispetto con diverse stagioni in serie C e quattro con voi. Ma ne avete uno, di "fedelissimo". A fine anni Ottanta spesso se ne trovavano 3/4 per squadra, ricordo ad esempio la Valenzana 1988-89, tanto è vero che la regola fu subito riscritta portando la militanza del "fedelissimo" da 4 a 5 stagioni consecutive, e poi presto eliminata.
Chiunque puo essere chiunque (Luke Rhineheart - "L'uomo dei dadi")
Avatar utente
kira
Messaggi: 29582
Iscritto il: 21 settembre 2009, 18:19

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da kira »

Si, prima come hai detto tu, era più facile trovare calciatori che si cucivano addosso una maglia, noi in passato ne abbiamo avuta gente così, pensa che solo nelle ultime 3 stagioni abbiamo rifatto 6-7 volte la squadra... ::: solo Tito ha resistito. :D
Avatar utente
Gioventù Biancoceleste
Messaggi: 28928
Iscritto il: 27 settembre 2007, 12:39
Località: Chiavari

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Gioventù Biancoceleste »

Pure noi in C abbiamo in lista un "fedelissimo", ma che è qui a Chiavari da molti più anni di Fabio Tito ad Avellino, ossia il portiere Andrea Paroni, che approdò all'Entella nell'estate 2008 subito dopo la promozione in D, per cui è qui addirittura da 16 stagioni consecutive (anche se adesso sta in panchina come riserva di De Lucia)!

Comunque sì, certamente le squadre di Serie D, Eccellenza e Promozione negli anni '80 e '90 erano di un livello nettamente superiore alle attuali nelle medesime categorie.
DELL'ENTELLA SEGUACI
Avatar utente
Web
Messaggi: 6359
Iscritto il: 6 settembre 2003, 21:09
Località: Altare (Sv)

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Web »

Certamente, ormai quella che descrivi è diventata la moda corrente, in tutte le categorie. Oltretutto quest'anno hanno introdotto la regola della rescissione di contratto che si può ottenere sempre, o sicuramente fino al 31 marzo, ora non sono espertissimo in leggi. Ed un'altra regola nuova è il potere chiedere lo svincolo per inattivtà se un giocatore non scende in campo per quattro turni consecutivi, ovviamente la regola non si applica nel caso di infortuni e squalifiche, ma nei vari tornei di Eccellenza ho visto che questa possibilità è stata utilizzata parecchio. Adesso, se un giocatore viene mandato in panchina o in tribuna un paio di volte, o se litiga con compagni e/o allenatore, chiede subito di fare i bagagli...
Messaggio che era in risposta a Kira, poi Gioventù mi ha bruciato mentre postavo :---
Chiunque puo essere chiunque (Luke Rhineheart - "L'uomo dei dadi")
Avatar utente
Web
Messaggi: 6359
Iscritto il: 6 settembre 2003, 21:09
Località: Altare (Sv)

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Web »

Gioventù Biancoceleste ha scritto: 19 aprile 2024, 18:46 Pure noi in C abbiamo in lista un "fedelissimo", ma che è qui a Chiavari da molti più anni di Fabio Tito ad Avellino, ossia il portiere Andrea Paroni, che approdò all'Entella nell'estate 2008 subito dopo la promozione in D, per cui è qui addirittura da 16 stagioni consecutive (anche se adesso sta in panchina come riserva di De Lucia)!

Pensa che Paroni me lo ricordo perfettamente ancora ai tempi della serie D, disputò due stagioni in biancoceleste, poi saliste di categoria. Ma ormai sono anni che viene utilizzato col contagocce, peccato perchè non tutti i portieri visti a Chiavari negli ultimi anni sono stati impeccabili, tipo Borra, e in ultimo De Lucia che dopo un'ottima stagione l'anno scorso, quest'anno qualche colpo a vuoto lo ha avuto, ma è comunque una annata storta per voi, incrociamo le dita per il finale di campionato!
Chiunque puo essere chiunque (Luke Rhineheart - "L'uomo dei dadi")
Avatar utente
kira
Messaggi: 29582
Iscritto il: 21 settembre 2009, 18:19

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da kira »

Paroni me lo ricordo anch'io...Idolo! :mrgreen:
Mi associo a Web per un finale di campionato gagliardo dell'Entella, per cui nutro sempre tanta simpatia. :wink:
Avatar utente
W_Fortis_J
Messaggi: 281
Iscritto il: 28 giugno 2009, 8:28
Località: Borgo San Lorenzo

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da W_Fortis_J »

Ottime considerazioni le vostre, bravo Web come al solito.

Cerco di spezzare una lancia a favore delle squadre attuali: pensate che la preparazione atletica dei calciatori, allora, soprattutto negli '80, assolutamente non paragonabile a quella di oggi; potrebbe giocare a favore delle squadre del terzo millennio?
Avatar utente
Gioventù Biancoceleste
Messaggi: 28928
Iscritto il: 27 settembre 2007, 12:39
Località: Chiavari

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Gioventù Biancoceleste »

W_Fortis_J ha scritto: 20 aprile 2024, 9:19 Ottime considerazioni le vostre, bravo Web come al solito.

Cerco di spezzare una lancia a favore delle squadre attuali: pensate che la preparazione atletica dei calciatori, allora, soprattutto negli '80, assolutamente non paragonabile a quella di oggi; potrebbe giocare a favore delle squadre del terzo millennio?
Quello sì, adesso tutte le squadre di tutte le categorie corrono molto di più rispetto a quelle del passato, i ritmi delle partite sono più frenetici, è un altro calcio ora, molto più veloce di allora.
Quindi si potrebbe dire che dal punto di vista atletico prevarrebbero le squadre di adesso, mentre dal punto di vista tecnico quelle del passato.
DELL'ENTELLA SEGUACI
Avatar utente
ars72
Messaggi: 68410
Iscritto il: 21 luglio 2008, 15:02
Località: Roma est

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da ars72 »

Il livello rispetto agli anni 90, i primi che ho visto dal vivo in serie D, si è abbassato sicuramente come qualità media delle squadre.
E il primo fattore determinante è quello dell'inserimento massiccio di under in campo.
Anche perchè nn si devono considerare solo quelli che vanno in campo ma pure quelli di ricambio in rosa. L'età media è notevolmente abbassata.
Sono venuti meno i giocatori di categoria,cnn esistono più le squadre fisiche, il passaggio dall'Eccellenza non è neanche così traumatico.
Anche l'evoluzione della tattica ha aumentato la percentuale di errori individuali, anche perchè il gioco si è velocizzato, ma pure il passaggio da campi in erba e terra battuta o pozzolana al sintetico ha contribuito ad ammorbidire i contenuti tecnici e agonistici delle partite.
Il fattore campo non esiste più, c'è una ricerca del risultato diversa. Stimolante per certi versi, meno appassionante per altri.
Avatar utente
W_Fortis_J
Messaggi: 281
Iscritto il: 28 giugno 2009, 8:28
Località: Borgo San Lorenzo

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da W_Fortis_J »

Anche da questi ultimi messaggi vanno quindi aggiunti sul piatto della bilancia la parte atletica e quella tattica, del resto oggi si segna mediamente di più rispetto a prima, o no? Però sul campo, onestamente, almeno sulla carta non vedrei speranze per le squadre attuali. Poi chissà, magari atleticamente compensano la minore qualità tecnica. Mentre sulla tattica, non è che allora si avessero allenatori sprovveduti, anzi.

Un'altra differenza la sapete qual è? Che oggi le società di molti paesi non spendono più per prendere i giocatori dalle giovanili delle squadre di città, si hanno così società cittadine prive di passato glorioso che ben figurano nei campionati, mentre le società di una volta, quelle che magari vivevano i derby paesani e facevano valere il fattore campo, si sono ridotte a vivacchiare. Al contempo, sia per il vuoto di organici e sia per l'abbassamento del livello tecnico, squadre ex amatoriali o che giochicchiavano in Terza categoria, oggi te le ritrovi in Seconda o in Prima.
Avatar utente
Jesi 1927
Messaggi: 16725
Iscritto il: 14 ottobre 2008, 21:36
Località: Jesi

Re: Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da Jesi 1927 »

Per me sono sempre paragoni impossibili da fare e che lasciano il tempo che trovano.
Cambiano i tempi, cambiano le regole, cambia il calcio.

Si marcava a uomo, poi a zona, c'erano liberi e stopper che 10 anni dopo sono scomparsi, si andava a due all'ora e un decennio dopo la situazione era diversa, c'era il retropassaggio al portiere che poteva prendere la palla con le mani...
Tecnicamente avrebbe vinto la squadra del passato? Probabile ma non scontato visto che fare una cosa a ritmi più bassi è sicuramente più semplice che farla che a una velocità superiore.

Fino a 17 anni fa il portiere doveva solo parare e rinviare lungo da fondo campo, oggi non c'è scuola calcio dove la costruzione del gioco non inizia con il portiere...

Era più forte l'Italia del 1982 o quella del 2006?
Il Brasile del 1970 o quello del 2002?
Sono domande a cui credo sia impossibile dare una risposta.
Questa Jesina qui è una squadra fantastica, vogliamo la Champions League, al Carotti col Real Madrid!!!
Avatar utente
ars72
Messaggi: 68410
Iscritto il: 21 luglio 2008, 15:02
Località: Roma est

Calcio anni '80 e '90 Vs. Calcio anni '20 del terzo millennio

Messaggio da ars72 »

Questo è vero in generale, in questo caso però il massiccio ricorso alla regola degli under nel tempo ha oggettivamente determinato un calo generale di valori tecnici perchè in serie D tante società non hanno un settore giovanile in grado di proporre giocatori da categoria e inevitabilmente le rose mediamente sono piu' scarse.
In questi anni oltre ai 4 under in campo si devono considerare pure quelli in panchina.
20 anni fa era un altro calcio ma in campo c'erano giocatori che facevano la gavetta per arrivare al quarto livello, c'era una selezione naturale. Ora non ricordo bene come funzionava coi "fedelissimi" ma l'età media delle squadre era molto piu' alta.
E per un periodo comunque al massimo gli under da schierare erano solo due.

Parliamo di anni in cui questa regola peraltro già faceva danni perchè per alcune stagioni si inventarono la formula dei 2 su 3 in campo fino al 90' che portò tante squadre a cambiare in ogni partita il portiere under dopo 1 minuto di gioco.
Una roba imbarazzante che costrinse poi a modificare il regolamento.
Peraltro qualcosa di simile stanno facendo adesso in Slovenia dove hanno pensato bene di introdurre una regola analoga nella serie A nazionale.
Rispondi